L'ORIGINE INDIANA DELLA SVASTICA

Nei giorni scorsi  ho inviato alcune mail sul tema India, con immagini che riprendono la lavorazione manuale della merda bovina - ma non solo: nell'India del Sud è ricercata quella degli elefanti e quelli che vivono nei templi, ben educati, vanno in strada ad orinare e defecare per la gioia di chi per primo si accaparra quella calda montagnola.

Oggi mi è capitata tra le mani una slide scattata a Mathura, dove sul muro di un tempio è stata sì messa della merda a seccare, ma lavorata a forma di svastika (nome maschile in India), un simbolo che nel mio Glossario orientale così racconto:

Svasti : Benessere, inteso nel senso più completo, comprendente benessere materiale, salute fisica e benedizione spirituale o salvezza

Svastika : [svāstika]. Simbolo di buon augurio per gli hindu e i buddhisti

Svastika : Più conosciuto con il nome di croce uncinata, è il simbolo stesso dei quattro periodi e scopi della vita. Questo segno, di origine molto antica, si ritrova in molte civiltà e simboleggia la rivoluzione del sole e le forze cosmiche. I quattro bracci simboleggiano gli oggetti e le stagioni della vita che convergono verso il medesimo centro, chiamato bindu. Questo punto centrale, che rappresenta l’etere, il quinto elemento, si irradia sugli altri 4, così come sui punti cardinali, sugli scopi e sulle stagioni della vita umana. Comprendere questo simbolo e meditarvi permette di realizzare l’unità dell’universo e di Dio

Svastika : Simbolo solare arya di prosperità e di buon auspicio, quando i bracci di questa croce uncinata sono orientati a destra, e di cattivo auspicio quando i bracci sono orientati a sinistra

Giancarlo Mauri

NDR: è chiaro che Hitler fin dal 1922  si era appropriato di un simbolo che con l'orrore del Nazismo non aveva proprio nulla a che fare.

Background Image

Header Color

:

Content Color

: